101 storie zen

di
4.13
Anno della Pubblicazione
Autori
Editore
Traduttore
Numero di Pagine
112
In Commercio Dal
1 settembre 1973
Isbn
8845901602
EAN
9788845901607

Recensioni Comunitari

Scrivere una Recensione
Devi accedere per scrivere una recensione
dato

Ottima lettura, ricca di saggezza!

dato

Saggezza in pillole.

dato

Questo libricino è una raccolta di 101 storie, non tutte di facile comprensione e che fors hanno bisogno di una rilettura più attenta. Ogni storia ti lascia pensare ai piccoli particolari e dettagli ai quali non prestiamo attenzione nella vita di utti i giorni ma sui quali bisognerebbe soffermarsi. Molte di queste storie ti fanno ensare che la vita è più semplice di quello che appare e che bisognerebbe affrontarla con uno spirito diverso, magari proprio zen, per poterla godere al meglio.

dato

Questo libricino delicato è una raccolta di 101 brevi storie riguardanti la disciplina Zen. Mi sono approcciata ad esso senza avere alcuna conoscenza della materia e devo ammettere che, tralasciando alcuni racconti davvero arguti, non ne ho compresi molti altri, he mi eran sembrati troppo semplici e dei quali non ho compreso il senso. Probabilmente serviranno alcune riletture per comprendere a fondo queste storie la disciplina che descrivono, essendo quella dello Zen una dottrina abbastanza lontana dal pensiero oriental, ma nel complesso mi sento di consigliare questi racconti che pur con la loro brevità e semplicità lasciano un segno.

dato

Vinci il mondo.

A me del cavallo piace l'imbizzarrimento, piace quando ne ha fino sopra le orecchie del morso al muso e delle briglie, e alla pace di dentro rinuncio volentieri, se può servire a non ccettare, a rifiutare, le cose così come sono fuori, che è il mio posto.

dato

Questo libro mi aiutato ad aprire la mente.

dato

Lo zen non vuole essere una dottrina ma una via. Brevi racconti fuori dal tempo e dalla razionalità inducono alla riflessione migliorando la nostra individualità. Se cento storie non sono servite ma una sola ha acceso una luce il libro avrà svolto il suo compito. Meglio di un manualone astruso.

dato

Racconti dal significato mai compiuto, storie che aiutano a pensare, ma he f anche smettere di pensare. Più se ne cerca il senso, più ci si rec a vagare nello spazio ampio della non definibilità. Le storie contenute nel libro hanno sembianze di favola, ma rovo che comunqu sia l ’ educazione morale il loro scopo: lo zen apre al mondo, apre al concetto di vuoto, di nulla, di vacuità, e leggendo alcune di queste “ parabole ” ho avuto proprio l ’ impressione della vacuità di qualunque morale si volesse applicare loro. Lo consiglio per creare spazio nella mente!

Libri del Categorie

Il buddhismo mahayana. La sapienza e la compassione
Scrivere zen. Manuale di scrittura creativa
Genjõkõan. Una chiave per la comprensione dello «Shõbõgenzõ» di Dõgen
Vivere il buddismo con fede e coraggio
Introduzione al buddhismo zen
L' intelligenza spirituale. Saggi sulla pratica del Dharma
Il sapore della libertà
Lo zen e la cultura giapponese
La saggezza del buddhismo. Il sentiero dell'illuminazione
La tessitura della saggezza. Tra Oriente e Occidente

Libri del Editore

I mistici dell'Occidente. Vol. 2
Lizzie
Considerazioni di un impolitico
Contributo alla critica di me stesso
Che cos'è la tradizione
Il male primordiale nella Qabbalah. Totalità, perfezionamento, perfettibilità
Il giorno della civetta
Diario degli errori
La cena segreta. Trattati e rituali catari
Luci nella notte

Libri del Traduttore

Passaggio in India
La mia famiglia e altri animali

Libri del Parte della Serie

Contributo alla critica di me stesso
Che cos'è la tradizione
Diario degli errori
Souvenirs
La signorina Else
Le interviste impossibili
Il nome di Dio e la teoria cabbalistica del linguaggio
Diario di un dolore
L' eleganza è frigida
Diario notturno

Libri del Anno della Pubblicazione

Notizie di Procoro e Demetrio Cidone, Manuele Caleca e Teodoro Meliteniota ed altri appunti per la storia della teologia e della letteratura bizantina...
I caratteri originali della storia rurale francese
Carteggio
Gli strumenti musicali
Sussidi per la consultazione dell'Archivio Vaticano. Vol. 2: Referendarii utriusque signaturae a Martino V ad Clementem IX et praelati signaturae supplicationum a Martino V ad Leonem XIII.
La dinamica di gruppo dell'aggressività
Amore e Psiche. Il pozzo. Musica di S. Sciarrino
Studi di storia del movimento operaio
Picasso
Un tram che si chiama Desiderio

Informazioni su Editore

La casa editrice Adelphi è stata fondata a Milano nel 1962 da Luciano Foà e Roberto Olivetti.
Nel 1963 Enzo Mari crea la collana dei " Classici ": un progetto globale, carta, sovracoperta, contenitori.
Nel 1965, l ’ ufficio grafico interno, guidato da Medarse Cappelletti, ed il gruppo creatore della casa editrice – di cui fanno parte Roberto Olivetti, Luciano Foà, Roberto Bazlen – decidono la strategia dell ’ immagine che farà di Adelphi un caso nel panorama editoriale italiano e internazionale. Il primo segno forte è il marchio. Questo segno, in stile orientaleggiante, è collocato nel contesto « occidentale » della cornice del piatto che reca, in tutte le collane, la dicitura epigrafica " Biblioteca Adelphi " o " Piccola Biblioteca ".
Altro tocco distintivo sono le tonalità pastello che mostrano ancora oggi la forza implicita della loro delicatezza. Si può negare che l ’ immagine Adelphi ha una riconoscibilità netta e dirompente, paradossalmente da più parti definita come un « urlo sussurrato ». Da sottolineare infine l'accuratezza e la qualità della scelta iconografica delle copertine. La popolarità della casa editrice inizia nel 1968 con la pubblicazione di Alce Nero di John Neihardt. In catalogo cominciavano ad esserci Groddeck, Lorenz, Vita Milarepa. La vera svolta arriva però con le traduzioni delle opere di Joseph Roth. Il successo delle sue pubblicazioni è legato soprattutto alla abilit di introdurre presso il pubblico italiano opere letterarie e filosofiche di notevole qualità e impegno, con un ’ attenzione particolare alla cultura mitteleuropea.
Tra gli autori pubblicati si ricordano in particolare: Alan Bennett, Friedrich Nietzsche, Georges Simenon, John Ronald Reuel Tolkien, Ernst Jünger, Jack London, Jorge Luis Borges, Joseph Roth, Bruce Chatwin, Milan Kundera, Leonardo Sciascia, Benedetto Croce, Elias Canetti e Irène Némirovsky.

© Labyrinth Birreria Scaricare Libri