11

4
La neve copre una Londra di destini buffi e incrociati, una variegata umanità di insonni che Xavier conosce bene, grazie allo show che conduce ogni notte. Raccontano le proprie storie, chiedono consigli amorosi o chiamano anche soltanto per sentirsi meno soli. Xavier condivide con loro frammenti di vita e dispensa pillole di saggezza. In realtà ne è lontanissimo, persuaso com' è he sia meglio tenersi defilato. Tutto ciò che vuole dalla vita è sentirsi in colpa, e ancor fare niente, per non causare niente. E proprio seguendo questo suo credo un giorno, invece di aiutare un ragazzino in difficoltà, prosegue oltre. Senza immaginare che il suo gesto scatenerà una serie di imprevedibili conseguenze, investendo in pieno la sua fragile corazza. E travolgendo altre undici vite oltre a sua ...
Anno della Pubblicazione
Editore
Traduttore
Parte della Serie
Numero di Pagine
312
Isbn
8806206788
EAN
9788806206789

Recensioni Comunitari

Scrivere una Recensione
Devi accedere per scrivere una recensione
dato

bello! decisamente scritto bene, contemporaneo, veloce e coinvolgente. ricco di spunti. davvero da consigliare!

dato

Il paragone con " Un pomeriggi " di David Nichols, pur proposto nella recensione di copertina a questo testo, mi pare fuori luogo ( probabilmente anche perché sono un esagerato estimatore di Nichols il generale e di quest romanzo in particolare). Non c' è dubbio, quind, che Hornby abbia fatto da battistrada ad un gruppo niente male di brillanti romanzieri inglesi e farei rientrare- con qualche curiosità per il futuro- Watson tra questi. " 11 " è scritto mal, risult scorrevole ed è ironico e sentimentale con adeguato dosaggio. Consigliato.

dato

E' un saggi no ha tutto per farsi leggere ( buona costruzione, dialoghi, stile), a manca qualcosa che lo faccia ricordare. Una narrazione piacevole, che in lcuni punti arranca per stare dietro all'idea iniziale. Bello ( anche se un po' già visto) lo spunto delle vite che si ntrecciano, ben caratterizzati i personaggi.

dato

Il messaggio importante che questo libro vuole darci è che non importa quanto piccolo e inutile il nostro gesto potrebbe sembrarci, non possiamo mai rinunciare a compierlo perché lo si ritiene tale.

dato

la vita una concatenazione di eventi che presi singolarmente sembrano puro caso ma in realtà è solo concatenazione di vite fatte di decisioni prese o non prese. L'autore narra bene questo meccanismo mettendoci i sentimenti e e sensazion che quotidianamente viviamo nella routine quotidiana. Mi è piaciuto tanto, all'inizio il tono e l'andamento è conforme alla descrizione di vite fatte di routine lavorative ed abitudini personali ma pian piano ti prende, l'autore ci scopre l'universo interiore dei personaggi nascosto dalla metodicità giornaliera.

Libri del Categorie

Cosa ho visto in te
Lascia che le cose accadano
Teresa Batista stanca di guerra
Cartongesso
Patty Diphusa e altre storie
Le donne
Suez
La scrittrice del mistero
Melting point
Cadaveri

Libri del Editore

Teresa Batista stanca di guerra
Cartongesso
Patty Diphusa e altre storie
Miti ebraici
Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni
Elogio della letteratura
Il cuore di cristallo. Ragionamenti d'amore, poesia e ritratto nel Rinascimento
Nero come il cuore
Carteggio 1923
Le vite de' più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani, da Cimabue insino a' tempi nostri. Nell'edizione per i tipi di Lorenzo Torrentino, Firenze 1550

Libri del Traduttore

Sway
L' ostinato scorrere del tempo
La vedova
Il bambino
Mio amato Frank
Sotto un immenso cielo di stelle
Ai piani bassi
Una vita da libraio
Il bambino

Libri del Parte della Serie

La bambina con il cappotto rosso
Io sono il Libanese
Serenata senza nome. Notturno per il commissario Ricciardi
Un viaggio che non promettiamo breve. Venticinque anni di lotte No Tav
Il padre e lo straniero
Il metodo del coccodrillo
Il sogno di volare
Sway
Questa pazza fede. L'Italia raccontata attraverso il calcio
In tempo di guerra

Libri del Anno della Pubblicazione

Il corpo di Dafne. Variazioni e metamorfosi del soggetto nella poesia moderna
Cantico di Natale
Del bello
La mafia fa schifo. Lettere di ragazzi da un paese che non si rassegna
Le donne
Suez
Edoardo Bennato. Venderò la mia rabbia
Kate e William. La storia segreta
Un cadavere eccellente
Ludwig. Storie di fuoco, sangue, follia

Informazioni su Autori

Informazioni su Editore

La casa editrice Einaudi viene fondata nel 1933 da un gruppo di amici, allievi del liceo classico D'Azeglio. Intorno al più giovane di loro, Giulio Einaudi ( 1912), si erano così raccolti Leone Ginzburg ( 1909), Massimo Mila ( 1910), Norberto Bobbio ( 1909) e Cesare Pavese ( 1908), affiancati successivamente da altre figure come Natalia Ginzburg ( moglie di Leone) e Giaime Pintor.
La collegialità, il gusto della discussione, il piacere di condividere tempi e luoghi oltre i momenti lavorativi « ufficiali » sono caratteristiche che hanno attraversato tutta la storia dell'Einaudi, e si sono trasmesse da una generazione all'altra dei suoi editor e consulenti, proprio a partire da queste origini giovanili e addirittura scolastiche. Leone Ginzburg fu, di fatto, il primo direttore editoriale della casa editrice. Einaudi è nata come una casa editrice basata su un intreccio politico-culturale inscindibile, soprattutto votata alla saggistica ( le prime collane, tuttora esistenti, sono la " Biblioteca di cultura storica " e i " Saggi ").
Dopo essere stato scoperto a stampare clandestinamente il giornale di Giustizia e libertà, Ginzburg viene torturato e ucciso dai nazisti a Roma nel 1944. L'Einaudi continua la sua attività e si fa in tre: alla redazione romana c' è Pavese, in quella milanese Vittorini, alla sede di Torino prima Mila, poi torna Pavese, che prende la funzione di guida dell'Einaudi. Con lui la casa editrice diversifica la sua produzione saggistica ( aprendosi all'antropologia e alla psicanalisi) e comincia a essere un punto di riferimento nche per la narrativa italiana e straniera e per i classici, con le collane dei " Coralli ", dei " Supercoralli " e dei " Millenni ". Dopo la sua morte ( 1950) la casa editrice, coordinata da Luciano Foà, assume il compito, soprattutto con " I gettoni " di Vittorini, di rinnovare la narrativa italiana promuovendo nuovi autori come Fenoglio, Lucentini, Ottieri, Lalla Romano, Rigoni Stern, Anna Maria Ortese, Sciascia e molti altri. Ma è anche importante la continuità della riflessione politica. Vittorini e Calvino guidano la ricerca letteraria sui percorsi di una progressiva sperimentazione. Giulio Bollati coordina l'insieme delle proposte saggistiche e le collane di classici. La " Pbe " da un lato ( 1960), la " Nue " dall'altro ( 1962) mettono a punto una sorta di enciclopedia in progress. Emblematico è il 1965, anno in cui nascono contemporaneamente due collane come " Nuovo Politecnico ", diretta da Bollati e " La ricerca letteraria ", diretta da Davico. Doppio passo che prosegue con la nascita della " Serie politica " ( 1968) e di " Einaudi Letteratura " ( 1969).
Gli anni Settanta sono il momento in cui l'Einaudi fa il massimo sforzo per ampliare il proprio pubblico e ottiene enormi risultati di diffusione.
Nella narrativa basterà citare un bestseller assoluto come La storia di Elsa Morante, che vende circa un miliard di copie. E poi nascono " Gli struzzi " e le " Centopagine " di Calvino. Gli anni Ottanta sono anni difficili, ma nonostante tutto, Einaudi riesce a pubblicare autori nuovi, e a costruire un'opera in var volumi come la Letteratura italiana diretta da Alberto Asor Rosa.
Con gli anni Novanta c' è stato un parziale ricambio generazionale e un rinnovato impegno su tutti fronti « storici » della casa editrice.
Si è poi aperto un nuovo fronte: quello dei tascabili che diventano una parte mportante della casa editrice, crescente negli anni, fino ad assumere nel 2005, sotto il marchio " ET ", una fisionomia diversificata per genere e formato. Nel 1996 nasce " Stile libero ", collana di tendenza, rivolta principalmente a un pubblico giovanile ma non soltanto. Nel corso degli anni Duemila, sempre attento alla ricerca e agli esordi letterari, Stile libero diventa un vero e proprio sistema editoriale. Tra i principali successi della formula Stile libero Niccolò Ammaniti, Michel Faber, Wu Ming, Edward Bunker e Giancarlo De Cataldo.
Da segnalare in catalogo la presenza di Alice Munro e Patrick Modiano, rispettivamente vincitori nel 2013 e nel 2014 del Nobel lla Letteratura.

© Labyrinth Birreria Scaricare Libri