16 marzo 1978

3.8

16 marzo 1978: un giorno sbagliato. Un giorno per, destinato a entrare nella storia italiana come inizio di una nuova fase democratica, diventa improvvisamente tutt ’ altro: il giorno della violenza e della ‘ geometrica potenza ’ di fuoco delle armi.

Le ore che preparano alla giornata del rapimento di Aldo Moro e alla strage dei cinque uomini della scorta cominciano già la sera che precede il 16 giugn, con le trame politiche e gli ultimi preparativi dei brigatisti. Parte da qui il racconto delle 24 ore che passeranno alla storia come ‘ Il caso Moro ’. Giovanni Bianconi ricostruisce e intreccia i punti di vista dei protagonisti – le vittime come i carnefici – con gli scenari della vicenda: da casa Moro al covo dove il presidente della DC fu rinchiuso, dalle riunioni segrete nelle stanze del potere alle discussioni in Parlamento, dalle assemblee nelle università alle scuole. Sono ore che vedono un crescendo di azioni, reazioni e colpi di scena. A fine giornata la consapevolezza di essere entrati nel momento più buio della storia repubblicana raggiungerà il culmine. È già allora evidente ciò che alimenterà per anni l ’ affaire Moro: dai misteri veri e presunti sull ’ azione dei terroristi al retroterra del sequestro, fino al ‘ muro contro muro ’ tra lo Stato e le Br che ha portato alla morte del prigioniero e – soprattutto – del suo progetto politico.

Anno della Pubblicazione
Editore
Traduttore
Parte della Serie
In Commercio Dal
7 marzo 2019
Isbn
8858135210
EAN
9788858135211

Recensioni Comunitari

Scrivere una Recensione
Devi accedere per scrivere una recensione
dato

Una descrizione quasi minuto per minuto ( con puntate in avanti e indietro nel tempo) di quello che avvenne il giorno del rapimento Moro. Interessante; non entusiasmante.

dato

ra davvero difficile condensare in 221 pagine tutto quel che è avvenuto 41 anni fa, nel giorno più drammatico della recente storia italiana. Giovanni Bianconi, brillante saggista e raffinato giornalista, c ’ è riuscito in maniera davvero encomiabile. È un saggi ma non possono non leggersi; per i iù giovani ( didatticamente) obbligatorio.

dato

Come da titolo è la cronaca di quel giorno ma niente di più.Non Vi aiuta a trovar i misteri che ancora oggi circondano quel delitto e i suoi oscuri autori.

dato

Molto ben scritto, equilibrato nell'argomentazione: Bianconi è forse il più bravo fra i giornalisti italiani che si misurano con la forma della scrittura saggistica ( più bravo di lui solo Stajano). La mole di documenti citata e analizzata è di grande interesse per capire cos'era in gioco quel giorno. Da avere nella piccola biblioteca dei testi importanti sulla vicenda Moro. Magari come ottimo punto di artenza.

dato

frequentavo la seconda media, e tornando da scuola sono stata accolta da genitori sconvolti che avevano trascorso la mattina attaccati alla radio, e preoccupatissimi hanno tentato di spiegarmi il momento storico che tutti stavamo vivendo ...

Libri del Autori

Eseguendo la sentenza. Roma, 1978. Dietro le quinte del sequestro Moro
Vorrei dirti che non eri solo. Storia di Stefano mio fratello
L' assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone
Eseguendo la sentenza. Roma, 1978. Dietro le quinte del sequestro Moro
Il brigatista e l'operaio

Libri del Categorie

Stato di emergenza. Viaggi in un mondo inquieto
NEET. Giovani che non studiano e non lavorano
Il dialogo tra le culture. Diversità e conflitti come risorse di pace
Criminalità, rischio e sicurezza. Analisi e prospettive
Ideali repubblicani in età moderna
Diseguaglianza, povertà e politiche pubbliche
Miti della massoneria
Fate, sibille e altre strane donne
L' alba dei libri. Quando Venezia ha fatto leggere il mondo
Dignità, persone, mercati

Libri del Editore

La liberazione di Roma. Alleati e Resistenza
L' edificazione di sé. Istruzioni sulla vita interiore
Invito a teatro. Manuale minimo dello spettatore
Sociologia dei fenomeni politici
Storia di un giorno in una città medievale
Margini d'Italia. L'esclusione sociale dall'Unità a oggi
L' occhio di Zeus. Disavventure della «Democrazia»
L' ultimo miliardo. Perché i paesi più poveri diventano sempre più poveri e cosa si può fare per aiutarli
Clandestinità (e altri errori di destra e di sinistra)
La mutazione individualista. Gli italiani e la televisione 1954-2011

Libri del Parte della Serie

Passo d'uomo
La lingua geniale. 9 ragioni per amare il greco
Dialogo sulla storia
I naufraghi del Don. Gli italiani sul fronte russo. 1942-1943
Paura. Una storia culturale
I sonnambuli. Come l'Europa arrivò alla Grande guerra
Risvolti di copertina. Viaggio in 14 case editrici italiane
Il mare d'amore. Eros, tempeste e naufragi nella Grecia antica
Mafia republic
Nulla al mondo di più bello. L'epopea del calcio italiano fra guerra e pace 1938-1950

Libri del Anno della Pubblicazione

Stato di emergenza. Viaggi in un mondo inquieto
Lascia che le cose accadano
La liberazione di Roma. Alleati e Resistenza
Darwin. Prima parte
Imposta di bollo e diritti di segreteria nei servizi demografici. Prontuario per l'applicazione e l'esenzione
L' ABC dello yoga per bambini. 48 carte con posizioni divertenti e fantasiose
I ragazzi della Linea Gotica
La massoneria. L'antico mistero delle origini. Un'analisi precisa e completa delle problematiche e delle fonti
L' esame a test per consulente finanziario abilitato all'offerta fuori sede. Manuale completo di preparazione
Enzo Jannacci. Canzoni che feriscono

Informazioni su Autori

Informazioni su Editore

Il 10 maggio 1901 Giovanni Laterza ( 1873-1943) annuncia la nascita della casa editrice Giuseppe Laterza& amp; Figli. La società, fondata nel 1885 da Vito Laterza a Putignano si è poi trasferita a Taranto per approdare infine, nel 1889, a Bari.
Giovanni Laterza si propose inizialmente di farsi editore « di servizio » per gli autori baresi e pugliesi, con particolare attenzione ai temi della cultura tecnica, economica, commerciale, giuridica. Ma, di fronte alla difficoltà di creare un programma editoriale con le sole risorse locali, cercò subito altrove referenti autorevoli. Decisivo per i destini della casa editrice è, nel dicembre 1901, l ’ incontro con Benedetto Croce.
Croce tracciò nel giro di pochi mesi quella che di fatto è stata, ed è anco oggi, la « mappa genetica » della Laterza; fu lui, nel febbraio del 1902, ad invitare chiaramente Giovanni Laterza ad abbandonare il progetto di pubblicare opere letterarie. Il programma iniziale di Giovanni Laterza assume, invec, una connotazione del tutto diversa: l ’ editore locale si ritrova proiettato in un orizzonte europeo; l ’ editore di libri tecnici e di letteratura diventa editore di saggistica di cultura; l ’ editore avventizio a caccia di occasioni di pubblicazione si trasforma in editore selettivo ed esigente. E nel giro di ochi anni viene rifondata la « Biblioteca di Cultura Moderna », la prima collana della casa editrice, e nascono i « Classici della Filosofia Moderna » ( 1906), le « Opere di Benedetto Croce » ( 1908), gli « Scrittori d ’ Italia » ( 1910), i « Filosofi Antichi e Medievali » ( 1915). Oggi Laterza pubblica libri di attualità politica, filosofia con storia, economia, psicologia e sociologia.

© Labyrinth Birreria Scaricare Libri