16 marzo. L'ultima notte

3

Che cosa accade in noi quando un amore ci trasforma, ci violenta, ci intossica a poco a poco come un veleno?

« L'amore malato si cura con più amore. »

In un trascinante racconto poetico Achille Lauro scorre lungo le 24 ore del 16 marzo aprendo la porta del suo onirismo notturno per poi approdare all'alba e recitare la parte da uomo di successo. Le parole affollano la mente in una ridda senza respiro, i ricordi di una vita trascorsa in squallidi casermoni si sovrappongono a quelli attuali di stivaletti lucidi firmati e riunioni ai piani alti. Ma tutto ciò è solo uno scenario che appare sullo sfondo, distaccato dalla voce dell'anima. Voce potentissima che grida l'amore, grida all'amore. Grida come tanti già gridarono, piangendo e maledicendo, da Saffo a Prévert. Amore, splendida illusione. Poesia scritta male su un foglio stropicciato. Amore come un despota. O una roulette russa. Eppure « il Purgatorio è amare e non accorgersene,/ l'essere vuoti,/ il non provare più nulla:/ il " non essere " ». L'amore è Inferno e Paradiso. Ci tormenta e ci uccide. Ma è il solo a poterci rigenerare, riportare in salvo. E ad aprirci orizzonti di arte e letteratur. Con lo stesso titolo 16 marzo del singolo uscito ad aprile 2020, questo straordinario libro non è un semplice compendio alla canzone ma un viaggio inedito alle radici della creatività e dell'ispirazione di un grande artista. E insieme è un vibrante, irresistibile poema d'amore.

Anno della Pubblicazione
Editore
Traduttore
Parte della Serie
Numero di Pagine
192
In Commercio Dal
19 maggio 2020
Isbn
8817143367
EAN
9788817143363

Recensioni Comunitari

Scrivere una Recensione
Devi accedere per scrivere una recensione
dato

Molto carino, piacevole da leggere ed interessante

Libri del Autori

Sono io Amleto

Libri del Categorie

Paperback reggae. Origini, protagonisti, storia e storie della musica in levare
Il tempo della musica ribelle. Da Cantacronache ai grandi cantautori italiani
19 Rapsodie Ungheresi: N.2 in Do Diesis Min. Pianoforte
La musica romantica
Johann Sebastian Bach. Tutte le cantate
Enzo Jannacci. Canzoni che feriscono
Edoardo Bennato. Venderò la mia rabbia
Il racconto della musica europea. Da Bach a Debussy
Bella ciao. La canzone della libertà
Le nozze di Figaro

Libri del Editore

Kenzo. Ediz. illustrata
Patata
Alba nera
Il nido
Dove il tempo si ferma. La nuova teoria sui buchi neri
Vietato smettere di sognare
Principesse. Dimenticate o sconosciute
La storia nelle prime pagine del Corriere della Sera (1876-2013)
Mio fratello si chiama Jessica
Il corpo che affiora

Libri del Anno della Pubblicazione

Pirati all'avventura
Verso un educazione risvegliata. Coltivare l'arte della meditazione a scuola in famiglia
La casa degli uccelli
Passione sakura. La storia dei ciliegi ornamentali giapponesi e dell'uomo che li ha salvati
Poirot in viaggio: Il mistero del treno azzurro-Delitto in cielo-Poirot sul Nilo
L' enigma dell'ultima profezia
The gnome forest 3D. Ediz. a colori
La scrittrice del mistero
Oltre il maschio debole. Prospettive per ritrovare la «via del guerriero»
Il genio americano. Sconfiggere Trump e la pandemia globale

Informazioni su Autori

Informazioni su Editore

La Rizzoli è na casa editrice generalista che pubblica narrativa, saggistica, varia, libri per agazzi, graphic novel e illustrati. Ha una lunga storia, che nizia nel 1909 con il capostipite Angelo Rizzoli. Nato nel 1889 a Milano e di modestissime origini sociali ( era figlio di un ciabattino analfabeta), il piccolo Angelo viene trasferito a soli ventotto anni all'Orfanatrofio dei Martinitt, dove rimane fino al compimento del edicesimo anno d'età. Quella- dirà dopo Rizzoli- era stata « la mia fortuna ».
Dai Martinitt impara il mestiere di tipografo, e iene poi assunto come operaio da Alfieri e Lacroix. Risparmiando sul salario, riesce a comprare la prima Linotype, che pagherà in cinque anni. Nasce così, nel 1909, la tipografia " Angelo Rizzoli& amp; Co ": un tugurio in Via Cerva, vicino a Piazza San Babila, dove si producono stampe commerciali, tra cui i volantini pubblicitari per la neonata " La Rinascente ".
Nel 1913, il primo cambiamento: la tipografia si sposta in Via Anfossi, e vist che il lavoro non mancava, Angelo Rizzoli riesce a fare un ulteriore investimento e compra una macchina per stampare a colori. L'anno successivo nasce Andrea, il padre, destinato a guidare la futura casa editrice. Dopo ventidu anni di normale attività tipografica, nel 1927 inizia la vera e propria attività editoriale e nel 1929 si ha la svolta: Angelo Rizzoli ottiene la commessa per stampare la prestigiosa Enciclopedia Italiana, che continua a produrre fino al 1933, quando il compito passerà all'Istituto Poligrafico di Stato. Intanto, per ronteggiare questo cambiamento, Rizzoli compra un altro stabilimento tipografico e comincia a stampare i primi libri. La capacità dell'editore era quella di riuscire a cogliere le richieste del mercato, e di riuscire a rispondervi con i mezzi più appropriati. Nel moment, ci si è spesso riferiti ad Angelo Rizzoli come ad un " editore protagonista ": imprimeva una forte personalizzazione al suo progetto editoriale e all'intero processo librario, dalla scelta del testo alla veicolazione del prodotto. Negli anni '40 Carlo Tenca dirà che « oramai non sono più gli autori che pensano alle opere da pubblicare, ma sono gli editori ».
Nel 1934 esce la prima collana strutturata, dopo le dispense di qualche mes prima: si tratta di " I classici italiani ", seguiti nel 1942 da un progetto editoriale molto ambizioso, suggerito da Leo Longanesi. Vede la luce la collana " Il Sofà delle Muse ", sugli scrittori italiani oevi, dove vengono lanciati Dino Buzzati ( con Il deserto dei tartari), Elsa Morante e Mario Soldati. Oramai la casa editrice Rizzoli si è espansa anche a Roma, dove possiede uno stabilimento tipografico: si lavora a pieno ritmo. Ma la guerra incombe, e nel 1943 tutto viene bombardato. Tutto, anche gli stabilimenti di casa Rizzoli. Eppure si riesce a ricostruire, e la casa editrice continua la propria ascesa: nel 1948 esce la collana " Il mondo piccolo " di Giovanni Guareschi, sulle avventure di Don Camillo. Sarà uno dei successi più duraturi. Nel 1949 la Rizzoli dà corpo ad una delle iniziative che di più hanno segnato la cultura italiana: nasce la " Biblioteca Universale Rizzoli ", destinat a divenire marchio editoriale BUR e a staccarsi dalla casa madre. Si tratta di una delle prime collane in Italia a dar corpo ad un progetto di letteratura universale, dall'antichità ai giorni nostri, in formato economico.
Importanti pubblicazioni sono state Il gabbiano Jonathan Livingstone ( Richard Bach, 1973), Lettera a un bambino ai nato ( Oriana Fallaci, 1975), sin a Va' dove ti porta il cuore ( Susanna Tamaro, 1994) e La Casta ( Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, 2007).

© Labyrinth Birreria Scaricare Libri