1917. La Rivoluzione

5
Il processo rivoluzionario avviato in Russia nel 1917 occupa uno spazio del tutto particolare all'interno degli eventi che hanno configurato la storia del Ventesimo secolo. Alla caduta degli zar del febbraio seguirono i primi governi provvisori che sfociarono con la presa del potere da parte dei bolscevichi nell'ottobre del 1917. La rivoluzione ebbe tra le conseguenze immediate l'uscita dalla guerra mondiale, la guerra civile interna e il terrore. Dopo la grande discussione storiografica sullo stalinismo e il comunismo sovietico, dopo il rollo dell'URSS e l'apertura degli archivi, Marcello Flores torna su questo evento-simbolo del Novecento on una riflessione storico-interpretativa che intende ragionare senza paraocchi ideologici sul senso di uno spartiacque nell storia ontemporanea.
Anno della Pubblicazione
Editore
Traduttore
Parte della Serie
In Commercio Dal
2 ottobre 2007
Isbn
8806188852
EAN
9788806188856

Recensioni Comunitari

Scrivere una Recensione
Devi accedere per scrivere una recensione
dato

Libro scritto in modo pessimo, lo sconsiglio a tutti coloro che non conoscono abbastanza la Rivoluzione Russa.Si capisce qualcosa dell'interpretazione dell'autore ( che condivido) soltanto nel capitolo finale ( CONCLUSIONI) ma in quasi tutto il libro regna sovrana la confusione.Proprio come in una rivoluzione!!! Ps: Il voto mio è -1

Libri del Autori

Il genocidio degli armeni
Traditori. Una storia politica e culturale
Il genocidio degli armeni
Il secolo-mondo. Storia del Novecento. Vol. 2: 1945-2000.
Grandi imperi coloniali
L'immagine della Russia sovietica. L'Occidente e l'URSS di Lenin e Stalin (1917-1956)
Il genocidio degli armeni
Ettore Troilo, brigata Maiella e nascita delle Repubblica
Storia della Resistenza

Libri del Categorie

La liberazione di Roma. Alleati e Resistenza
Firenze 1944. Tutto quello che non è mai stato detto sulla Liberazione
L' Azerbaigian nei documenti diplomatici italiani (1919-1920)
La seconda guerra mondiale. I successi dell'Asse (settembre 1939-gennaio 1943)
La guerra italo-austriaca (1915-18)
Top secret Bari, 2 dicembre 1943. La vera storia della Pearl Harbor del Mediterraneo
La disfatta di Gasr Bu Hàdi. 1915: il colonnello Miani e il più grande disastro dell'Italia coloniale
L' officina della guerra. La grande guerra e le trasformazioni del mondo mentale
Dal nulla sorgemmo. La legione romana degli Arditi del Popolo. La storia mai raccontata delle prime formazioni armate che strenuamente si opposero al fascismo
Il secolo in breve. Persone e storie del Novecento

Libri del Editore

Teresa Batista stanca di guerra
Cartongesso
Patty Diphusa e altre storie
Miti ebraici
Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni
Elogio della letteratura
Il cuore di cristallo. Ragionamenti d'amore, poesia e ritratto nel Rinascimento
Nero come il cuore
Carteggio 1923
Le vite de' più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani, da Cimabue insino a' tempi nostri. Nell'edizione per i tipi di Lorenzo Torrentino, Firenze 1550

Libri del Parte della Serie

Questione di vita e di morte
Contro l'identità italiana
Il denaro e i suoi inganni
Diagnosi e destino
Marrani. L'altro dell'altro
Al di qua del bene e del male. Per una teoria dei valori
Poesia non poesia
Nel contagio
La sovranità assente
Contro la democrazia diretta

Libri del Anno della Pubblicazione

La musica romantica
Il mondo mutato. Un sillabario per immagini del nostro mondo. Ediz. illustrata
V. Delitti per sport. Storie gialle e noir
Il sogno di Matteo
Welfare Society. Dal paternalismo di Stato alla sussidiarietà orizzontale
Dove nessuno può arrivare
Imhotep e il mistero della piramide
La vita e le cacce dei contadini fra Ottocento e Novecento. Quando si cacciava per vivere
Al di sotto della mischia. Satire e saggi
Il radicalismo sociale di Romolo Murri (1912-1920)

Informazioni su Editore

La casa editrice Einaudi viene fondata nel 1933 da un gruppo di amici, allievi del liceo classico D'Azeglio. Intorno al più giovane di loro, Giulio Einaudi ( 1912), si erano così raccolti Leone Ginzburg ( 1909), Massimo Mila ( 1910), Norberto Bobbio ( 1909) e Cesare Pavese ( 1908), affiancati successivamente da altre figure come Natalia Ginzburg ( moglie di Leone) e Giaime Pintor.
La collegialità, il gusto della discussione, il piacere di condividere tempi e luoghi oltre i momenti lavorativi « ufficiali » sono caratteristiche che hanno attraversato tutta la storia dell'Einaudi, e si sono trasmesse da una generazione all'altra dei suoi editor e consulenti, proprio a partire da queste origini giovanili e addirittura scolastiche. Leone Ginzburg fu, di fatto, il primo direttore editoriale della casa editrice. Einaudi è nata come una casa editrice basata su un intreccio politico-culturale inscindibile, soprattutto votata alla saggistica ( le prime collane, tuttora esistenti, sono la " Biblioteca di cultura storica " e i " Saggi ").
Dopo essere stato scoperto a stampare clandestinamente il giornale di Giustizia e libertà, Ginzburg viene torturato e ucciso dai nazisti a Roma nel 1944. L'Einaudi continua la sua attività e si fa in tre: alla redazione romana c' è Pavese, in quella milanese Vittorini, alla sede di Torino prima Mila, poi torna Pavese, che prende la funzione di guida dell'Einaudi. Con lui la casa editrice diversifica la sua produzione saggistica ( aprendosi all'antropologia e alla psicanalisi) e comincia a essere un punto di riferimento nche per la narrativa italiana e straniera e per i classici, con le collane dei " Coralli ", dei " Supercoralli " e dei " Millenni ". Dopo la sua morte ( 1950) la casa editrice, coordinata da Luciano Foà, assume il compito, soprattutto con " I gettoni " di Vittorini, di rinnovare la narrativa italiana promuovendo nuovi autori come Fenoglio, Lucentini, Ottieri, Lalla Romano, Rigoni Stern, Anna Maria Ortese, Sciascia e molti altri. Ma è anche importante la continuità della riflessione politica. Vittorini e Calvino guidano la ricerca letteraria sui percorsi di una progressiva sperimentazione. Giulio Bollati coordina l'insieme delle proposte saggistiche e le collane di classici. La " Pbe " da un lato ( 1960), la " Nue " dall'altro ( 1962) mettono a punto una sorta di enciclopedia in progress. Emblematico è il 1965, anno in cui nascono contemporaneamente due collane come " Nuovo Politecnico ", diretta da Bollati e " La ricerca letteraria ", diretta da Davico. Doppio passo che prosegue con la nascita della " Serie politica " ( 1968) e di " Einaudi Letteratura " ( 1969).
Gli anni Settanta sono il momento in cui l'Einaudi fa il massimo sforzo per ampliare il proprio pubblico e ottiene enormi risultati di diffusione.
Nella narrativa basterà citare un bestseller assoluto come La storia di Elsa Morante, che vende circa un miliard di copie. E poi nascono " Gli struzzi " e le " Centopagine " di Calvino. Gli anni Ottanta sono anni difficili, ma nonostante tutto, Einaudi riesce a pubblicare autori nuovi, e a costruire un'opera in var volumi come la Letteratura italiana diretta da Alberto Asor Rosa.
Con gli anni Novanta c' è stato un parziale ricambio generazionale e un rinnovato impegno su tutti fronti « storici » della casa editrice.
Si è poi aperto un nuovo fronte: quello dei tascabili che diventano una parte mportante della casa editrice, crescente negli anni, fino ad assumere nel 2005, sotto il marchio " ET ", una fisionomia diversificata per genere e formato. Nel 1996 nasce " Stile libero ", collana di tendenza, rivolta principalmente a un pubblico giovanile ma non soltanto. Nel corso degli anni Duemila, sempre attento alla ricerca e agli esordi letterari, Stile libero diventa un vero e proprio sistema editoriale. Tra i principali successi della formula Stile libero Niccolò Ammaniti, Michel Faber, Wu Ming, Edward Bunker e Giancarlo De Cataldo.
Da segnalare in catalogo la presenza di Alice Munro e Patrick Modiano, rispettivamente vincitori nel 2013 e nel 2014 del Nobel lla Letteratura.

© Labyrinth Birreria Scaricare Libri